Bergomix 2013: etciù!!!

IMG_0238

Dream Team : Enzo FUrfaro, Leonardo Monzio Compagnoni, Il sottoscritto, Filippo Curzi e Sandro Dossi

E anche Bergomix è andata!
Evento molto tranquillo ma al tempo stesso molto divertente! E soprattutto, un evento che mette finalmente in primo piano i fumetti e il mondo del fumetto.
Come scrissi già un anno fa quando ho partecipato per la prima volta non si tratta di una fiera classica vera e propria ma di una serie di eventi spalmati in più giorni. Generalmente in due weekend! E che quest’anno in mezzo ha visto anche la “prima” di Iron Man 3. Beh, io sono fermo a Iron Man 1 quindi la cosa non mi tocca più di tanto, ahah!

Scherzi a parte, ogni anno la manifestazione ha un tema ben definito e (quest’anno era “letteratura & fumetto”) e che fa da sfondo alla mostra di disegni organizzata allo Spazio Polaresco di Bergamo, sede della manifestazione.

Ospite d’onore della giornata in cui sono andato anch’io era il mitico Sandro Dossi, disegnatore di Geppo, disneyano e warneriano e chi più ne ha più ne metta! Insomma, uno che il fumetto ce l’ha nel sangue.
E’ stato davvero un piacere e un onore conoscerlo e sentire i suoi aneddoti su un mondo fumettistico che non c’è più. E che purtroppo non ho mai conosciuto, a dire il vero! Insomma, un mondo dove c’erano molte più opportunità perchè in qualche modo era ancora piuttosto pioneristico. Cosa che dovrebbe accadere anche con il fumetto digitale in questo periodo, ma che per tanti motivi non avviene.
Comunque, dato che già vengo preso in giro dai miei colleghi da Stamboat perchè ascolto Radio Nostalgia, non voglio lasciarmi andare a facili sentimentalismi sul passato!!!

Torniamo a Bergomix! Ho partecipato anche alla piccola conferenza organizzata dal presidente di Bergomix (Leonardo Monzio Compagnoni) e penso di essere uno spasso quando faccio queste cose. Perchè inizio ad innervosirmi e muovermi convulsamente sulla sedia. Che imbarazzo le foto!
E comunque, tanti temi interessanti sono stati affrontati in questa conferenza con Sandro e altri autori bergamaschi (il miliziano Enzo Furfaro, Filippo Curzi e Alberto Locatelli) e su tutti uno mi ha fatto riflettere: è venuto fuori che i fumettisti di oggi effettivamente hanno un doppio lavoro da fare rispetto ad una volta. Un doppio lavoro estremamente complesso se vogliono rimanere nel campo. Per emergere si comincia con le autoproduzioni (come i ragazzi di Prequels, nostri vicini di postazione e il bravo Michele Carminati con il suo Valgard) la qual cosa però comporta per l’appunto un doppio impegno: primo di produzione del fumetto vero e proprio, che non è poco vi dirò. Soprattutto per evitare di fare fumetti di merda con personaggi inutili come i miei (cito i commenti che leggo qua sul blog eh?! Leggere il post su Romics per credere ^_^ ).
Secondo di promozione del fumetto stesso! Ed è onestamente la parte che mi scoccia di più. Odio dover fare public relations e cavolate simili, avendo un carattere tendente all’orsitudine. Ma questo serve per evitare che gli unici a comprare il fumetto siano gli amici e gli amici di amici. Funzione che una volta era svolta dalle riviste fumettistiche  dove oltretutto… Gli autori venivano pagati per le loro piccole storie!
Robe da matti. Anzi, Rrobe da matti (questa la capiranno soltanto i fumettari convinti).
Questa funzione dovrebbe svolgerla ora il fumetto in digitale secondo me, che però ha diverse controindicazioni… Primo il fatto che internet è un bombardamento di imput, per cui spesso e volentieri queste iniziative vanno un po’ a perdersi. E secondo perchè devi inevitabilmente fare anche altro visto che un blog non paga. Un blog appena nato, aggiungo. E questo va a discapito proprio della qualità e della quantità di materiale prodotto.
Il risultato finale di tutto questo è che spesso chi riesce a sfondare non è chi ha il fumetto nel sangue, ma chi  ha anche l’arte di sapersi vendere nel sangue. Io ci provo a vendermi, ma con scarsi risultati ahimè! Ahaha! Del resto la mia esperienza da Fastweb mi ha insegnato che sono un pessimo venditore di contratti telefonici.
E comunque si, sono uno scopritore di acque calde non indifferente come avete notato. 

Insomma, fatemi ascoltare di nuovo Radio Nostalgia!

Chiudo con un paio di considerazioni. La prima è che, paradossalmente, mi sento sempre un po’ a casa quando vado a Bergomix. L’aria familiare che si respira è sempre fantastica!
La seconda è che Bergomix mi ha lasciato anche un raffreddore tremendo. Anche per via dell’umidità di questi giorni che nemmeno Cthulhu sopporterebbe!

Prossima fiera : La sagra dei fumetti, a Villafranca Verona il 15 e 16 giugno.

E tra l’altro… Vi piace la nuova skin del blog? E’ più elegante e leggera… La vecchia mi aveva un po’ stufato sinceramente! ^_^

Come sempre, piccola carrellata di foto! Au-revoir!

Annunci

4 commenti su “Bergomix 2013: etciù!!!

  1. Ma chi è che ha scritto fumetti di merda? Oo cioè…vabbè io sto in crisi e lo sai perchè il doppio lavoro ahimè diventa il triplo quando vivi in un centro troppo troppo piccolo, però prima o poi le cosa dovranno cambiare! Nonostante tutto un po’ di ottimismo lo mantengo! E conta che secondo me ci sai fare nella pubblic releshion! Dici, ribadisci, ma senza rompere le palle che secondo me è negativo! Forza forza!!!!! ^^

    • Eheh, pefforza che cambieranno!!! Sennò tutto questo sbattone a che porterebbe?? ^_^
      Diciamo che probabilmente dovrei romperle un po’ di più le balle… E’ questo che mi frega, perchè non è nel mio carattere!

      PS : vai a vedere i commenti sul post dedicato a Romics, e capirai! 😉

  2. Alla tua domanda rispondo: preferivo quella vecchia ^^
    Più originale, con un header (si dice così?) fantastico e anche lo sfondo mi piaceva di più 🙂

    • Ahah, perfetto! ^_^
      Sullo sfondo in realtà ci sto lavorando… Nel senso che devo modificare quello vecchio per sfumarlo sul nero in alto visto che altrimenti i menu sopra vengono tutti nascosti.
      Concordo sugli header che mi piacevano parecchio, però del vecchio non sopportavo più lo sfondo rosa dei post.. Ahahah! Che mal si adattava alle immagini.
      Vabbè, la realtà è che,le skin gratuite di wordpress sono abbastanza bruttine in generale… Non riesco a trovare “quella perfetta” per i miei gusti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: