No, non è il titolo di una nuova collaborazione musicale del fratello di Pitbull (ahahah, come sono simpatico) bensì come al solito un titolo con cui voglio dire duecentomila cose. In primis, questo post nasce con l’intento di conquistare il mondo. E successivamente poter pubblicare anche sul blog la mia prima incursione su Agenzia Investigativa Carlo Lorenzini. Si tratta di una serie creata da Manfredi Toraldo e pubblicata dalla ManFont dove, per… Continua a leggere

Per festeggiare il recente sold out de “La Ballata del Nero Cherubino“, mi sembrava giusto proporre un nuovo racconto. E un racconto proveniente proprio da quel fortunato libro! Si tratta infatti di “Cross Street“, una storia decisamente pulp ambientata nella Città delle Ombre. Una storia che, tra le tante cose, mi ha anche fatto riflettere molto sullo stile che preferisco adottare nella scrittura di narrativa: meglio in prima o terza persona? Lo so,… Continua a leggere

Shadows – La Ballata del Nero Cherubino è andato esaurito durante la Cartoomics appena trascorsa. Ecco, l’ho detto subito così mi sono tolto il pensiero! Ahah! Ogni tanto, qualche gioia. Quelle che vedete qui sono proprio le ultime due copie che ci tenevo a conservare come ricordo di questa fortunata prima edizione. E una delle due è pure fallata! Volevo fare questo post veloce per ringraziare tutte le centinaia di lettori che… Continua a leggere

Questo è un momento davvero amarcord. Infatti quello che leggerete tra poco è il primo racconto che ho mai pubblicato! Correva l’anno 2011 ed era una Lucca Comics piuttosto piovosa. Ecco perché l’anno stava correndo, doveva andare a ripararsi sotto i portici.

Einstein li aveva teorizzati durante la sua vita, ma non aveva mai avuto prove certe della loro esistenza. Ci sono voluti anni di ricerche e sacrifici ma oggi sono realtà. E il merito va anche a molti italiani del settore, non dimentichiamolo. Sono la scoperta più chiacchierata di questi giorni e sono convinto che rivoluzioneranno il nostro modo di pensare e di approcciarci al mondo, nel futuro: parliamo degli sticker di Norby su… Continua a leggere

“…E senza aggiungere altro se ne andò. Rapido come era arrivato, Earl si dileguò nel tempo di un sospiro, con la sua andatura molleggiata e strafottente.
Il sole stava cominciando a calare…”

C’è un detto nella foresta di Penvaryn : “una freccia prima colpisce, poi chiede chi è”.

In questo luogo magico viveva ormai da molti anni un possente unicorno, dal manto argenteo e dallo sguardo fiero. Il suo nome era Zala-Han, che nel dialetto silvano significa bianco custode, ed era uno degli ultimi unicorni rimasti a Penvaryn.